Panoramica e infrastruttura degli Amazon Web Services
da Davide Riboldi · pubblicato il 15 ottobre, 2013 · modificato il 20 luglio, 2016

Nel precedente articolo “La nascita degli Amazon Web Services e del Cloud Computing” si è parlato della grande intuizione di Jeff Bezos e di come Amazon si sia evoluta negli anni per venire incontro alle proprie esigenze di crescita dovute al grande successo del loro sito di e-commerce (amazon.com), dando così vita ad una infrastruttura di cloud computing incredibilmente scalabile e unica nel suo genere.

Si è anche fatto menzione di alcuni servizi AWS chiave che hanno reso possibile questa rivoluzione, ad esempio: Amazon SQS, Amazon S3, Amazon EC2 e Amazon RDS. In tutti questi anni Amazon ha proseguito senza sosta questo processo di crescita e sviluppo dei propri servizi e ad oggi possiamo contarne almeno una trentina che formano la struttura principale di quello che oggi possiamo definire gli Amazon Web Services.

Molti di voi a questo punto saranno curiosi di sapere cosa si nasconde dietro questi servizi e come sono organizzati per garantire affidabilità, scalabilità e continuità di servizio, caratteristiche fondamentali per gli Amazon Web Services. Cosa si celi dietro gli Amazon Web Services e quale sia il loro segreto sicuramente non sono in grado di svelarvelo, però posso raccontarvi come sono distribuiti e organizzati nel mondo.

Le regioni geografiche

I servizi degli Amazon Web Services sono distribuiti e suddivisi in località autonome e completamente indipendenti tra di loro, dislocate in diversi luoghi del mondo. Queste località vengono chiamate regioni (Regions), in ogni regione sono presenti un numero di infrastrutture chiamate zone di disponibilità. Quest’ultime servono a rendere ridondante la regione e mantenere sempre attivo il funzionamento dei vari servizi.

AWS global- egions

Attualmente, le regioni attive nel mondo sono 10 e sono distribuite nel seguente modo, vi consiglio sempre di controllare nella pagina ufficiale se è stato aggiunto qualcosa:

Continente Regione
Asia–Pacifico Singapore, Tokyo e Sydney
Europa Irlanda, Francoforte
Nord America Virginia, California, Oregon e AWS GovCloud
Sud America San Paolo

Ogni singola regione può gestire in completa autonomia i servizi messi a disposizione dagli Amazon Web Services. Questo è dovuto al fatto che molte volte i servizi vengono rilasciati solo per una o due regioni in modo da essere testati per un periodo di tempo stabilito, dopo il quale vengono rilasciati anche per le altre regioni. Per essere sicuri di trovare il servizio nella regione visitate “Product and Service for AWS Regions“.

Le zone di disponibilità

Ogni singola regione a sua volta è suddivisa in zone di disponibilità (availability zones), che sono organizzate in uno o più data center isolati e protetti da possibili danni dovuti a disastri naturali. Le zone comunicano tra di loro attraverso un collegamento dedicato a bassa latenza. Alcuni servizi come ad esempio Amazon S3 condividono tutte le zone di una determinata regione come struttura di ridondanza in tempo reale.

Quando memorizziamo un file su Amazon S3 questo viene replicato su tutte le zone per essere sempre reperibile anche in mancanza di una zona di disponibilità, mentre altri servizi come ad esempio Amazon EC2 possono girare su una zona alla volta.

Avere la possibilità di scegliere in maniera autonoma le regioni e le zone di disponibilità per i servizi di cloud computing, come vedremo nei prossimi articoli, porta ad una serie di vantaggi, non solo dei vantaggi legati alla vicinanza degli utenti e quindi delle performance migliori, ma ad esempio la memorizzazione dei dati in regioni con particolari legislazioni o l’attivazione di load balancing che ci permettono di eseguire le istanze anche se una zona dovesse diventare indisponibile per problemi tecnici.

Le edge locations

A completamento dell’infrastruttura sono state create anche delle località di front end per favorire la bassa latenza e il miglioramento delle prestazioni nella distribuzione dei dati statici verso gli utenti finali. Queste località sono chiamate Edge Locations.

I servizi erogati da queste località in questo momento sono sostanzialmente due: Amazon Cloudfront e Amazon Route 53. A seguire una tabella riepilogativa sulla distribuzione a livello geografico di alcune di queste località.

Edge Locations

Le edge locations sono usate quasi sempre per la distribuzione di risorse statiche da punti geografici più vicini possibile all’utente richiedente, questo per ottenere migliori performance da un lato e dall’altro un carico minore del nostro server centrale che non si deve preoccupare di servire queste risorse, le risorse come ad esempio immagini e video vengono duplicati in maniera automatica su tutte le edge locations sui cui viene effettuata una richiesta e quindi ne indicano una necessità, se per caso dobbiamo modificare il contenuto di un file statico centrale sarà sempre compito di amazon effettuare la propagazione della nuova modifica a tutti le edge locations interessate.

Conclusioni

Grazie a questo tipo di infrastruttura è possibile garantire un’altissima affidabilità su tutte le nostre applicazioni, basta distribuire con un certo criterio i servizi offerti da Amazon Web Services tra le varie zone di disponibilità della nostra regione. Invece duplicando gli ambienti applicativi tra le varie regioni geografiche è possibile creare un disaster recovery geografico con costi accettabili, infatti se dovessimo crearlo solo con le nostre forze andremmo incontro certamente a dei costi proibitivi per la maggior parte di noi senza parlare della notevole complessità di configurazione.

Sicuramente su questo argomento avremo modo di parlarne ancora molte volte nei prossimi articoli, quando andremo ad analizzare tutti i vari servizi messi a disposizione da Amazon. Infatti solo con l’utilizzo dei servizi e la conoscenza delle loro caratteristiche si può apprezzare il grande vantaggio di poter scegliere da soli le zone geografiche e le zone di disponibilità messe a  disposizione. Se vi interessa continuare a seguire questi argomenti seguiteci su Google+ Cloud AWS.

Guida completa su AWS

Questo articolo appartiene ad una serie di pubblicazioni che costituiscono una guida completa dedicata agli Amazon Web Services.  Molti servizi che trattiamo in questo blog vengono anche spiegati con dei video che trovate nel nostro canale youtube. Se volete seguire questo percorso didattico iscrivetevi alla community Cloud AWS.

condividi